American Gods Episodio 4: Recensione: Git Gone

Questa recensione di American Gods contiene spoiler.


American Gods Episodio 4

“Ho vissuto la mia vita, nel bene e nel male. Decisamente non leggera come una piuma', dice Laura ad Anubi quando lui tenta di pesarle il cuore. Laura potrebbe non piacersi sempre, ma è sicura che non permetterà a nessun altro di giudicarla per le scelte che ha fatto, nemmeno a un dio. Questa è la qualità più simpatica di un personaggio sgradevole (sulla carta). È difficile non ammirare qualcuno che guarda negli occhi un Anubi irritato, maleducato (se non onesto) e gli dice: 'Fottiti'.

Probabilmente pensavi che questa fosse la storia di Shadow, vero? O forse la storia degli dei americani? No, questa storia appartiene anche a Laura Moon e te la racconterà. Laura ha una voce tutta sua nel divinità americane Show televisivo e più grandi divinità americane la storia è meglio per questo. Laura non è la moglie di Shadow o un ingranaggio in questa ruota più ampia di una narrazione - beh, non lo èappenaquelle cose. È la sua stessa persona qui, con i suoi difetti, i suoi fallimenti e i suoi 'vaffanculo', in un modo in cui il romanzo di Neil Gaiman non le ha mai permesso di essere.



Bryan Fuller promesso un arricchimento dei personaggi femminili del romanzo nello show televisivo e mantiene quella promessa, dando un ottavo di questa prima stagione a Laura. Un dono di cui fa buon uso, proprio come fa la sua seconda possibilità nella 'vita'. 'Git Gone' è una pausa dalla formula per divinità americane , dandoci il retroscena di come Laura sia finita nella stanza d'albergo di Shadow alla fine di 'Cuore pieno di neve'. È una storia sanguinosa, quindi allacciati...


Laura: pre-morte

Una delle parti che preferisco della storia di Laura è che inizia prima che lei incontri Shadow. Conosciamo questo personaggio prima che il protagonista dello show entri nella sua vita. Ci fornisce una linea di base per chi è come persona, oltre a riconoscere che Shadow è solo un pezzo dell'identità più ampia di Laura: un nuovo concetto che le culture popolari non sono sempre così brave a trasmettere quando si tratta di personaggi femminili . I personaggi femminili hanno una vita al di fuori della loro relazione con gli uomini. Chi lo sapeva?

Allora, chi è Laura? Per prima cosa, è una persona che vuole disperatamente credere in qualcosa, ma che ha rinunciato a ogni speranza che esista qualcosa al di là di ciò che sappiamo. Quando la incontriamo, ha fatto di quell'eterismo parte della sua identità. Trascorre le sue giornate in un lavoro senza sbocchi dove anche la gioia di strascicare le è stata portata via. Trascorre le sue notti con il suo gatto Dummy, leggendo, mangiando un uovo sodo e uccidendo insetti. Scoppia l'intorpidimento nei momenti estremi, ottenendo l'occasionale sballo di insetticida e sesso violento con ragazzi che porta a casa dal casinò.

Shadow è uno di quei ragazzi, ma è uno che resta, come un randagio che un giorno l'ha seguita a casa e che non è mai andato via. Conosciamo tutti le relazioni in cui una persona è molto più innamorata dell'altra. Shadow e Laurasiamoquella relazione. Certo, Laura ama Shadow, ma come una persona ama il proprio 'cucciolo'. È annoiata. Troppo annoiata per vedere qualcosa oltre la sua autocommiserazione. Non sto dicendo che non sia in qualche modo valida autocommiserazione - è bloccata in una vita prevedibile che odia, incapace di liberarsene, non importa quanto ci provi - ma si traduce in un egocentrismo che spesso porta all'autocommiserazione. sabotaggio. (La sua spiegazione ad Audrey per essere andata a letto con Robbie, ad esempio: ''Non riguardava nemmeno te.')


'Quando vedi [Laura] nella sua vita di tutti i giorni lottare e affrontare questa routine banale, penso che sia leggermente più facile entrare in empatia con lei e le cose di merda che fa', come ha detto Emily Browning a Den of Geek. Ecco perché è così importante per Laura arrivare a raccontare la propria storia piuttosto che definirsi in relazione ai protagonisti maschili della narrazione. Laura potrebbe fare scelte egoistiche, ma capiamo perché.

Laura dice a Shadow: “Non c'è niente da credere. Fidati di me. ho guardato.» È quel cambiamento che rende Laura un po' più comprensiva. Laura una volta ha visto la magia nel mondo, ma l'ha persa con la conoscenza e l'illuminazione - o, piuttosto, con la sua fusione di 'interesse' con 'credenza'. Lei annoia di Shadow perché non è più il ladro, ma il suo fidato marito. Laura non è una persona terribile, ma è profondamente infelice e questo le fa fare cose offensive. Le fa anche escogitare un piano per rendere di nuovo Shadow un ladro... Quel piano non va come sperava.

'Non sarai mai catturato... Come sei stato catturato?' Ecco come viene raffigurata la rapina al casinò fallita di Shadow e Laura. I puntini di sospensione sono il modo in cui viene rappresentata la rapina. No Oceani Undici -tipo montaggio. divinità americane è in grado di mostrare un'intera rapina fallita, ma non è di questo che tratta questo spettacolo o questo episodio. Parla della mancanza di fede di Laura e di come impara a vivere di nuovo. Invece, vediamo la vita di Laura svanire lentamente nella routine e nella solitudine in assenza di Shadow. Quando Dummy muore, inizia una relazione con Robbie, non perché lo ami, ma perché è annoiata. Perché lui è il suo ultimo sballo, la sua ultima forma di autodistruzione, la sua ultima forma di adorazione (o dire 'vaffanculo') a tutte le divinità in cui non crede.

Laura: Aldilà con Anubi

Dopo la morte di Laura, finisce con Anubi. A differenza della donna che abbiamo visto in 'Testa piena di neve', Laura non ottiene una guida gentile dal mondo dei vivi a questo. Anubi non sembra particolarmente entusiasta di guidare Laura in generale, facendo il suo dovere, ma niente di più.

Laura è altrettanto irritata nell'incontrare Anubi. 'Chi cazzo sei?' lei chiede. Quando delinea un'eternità di oscurità e Git Gone, Laura passa da irritata a decisamente incazzata. Questo non è l'aldilà per cui si è iscritta. Non credeva in niente, non in Un'eternità di tenebre. Sono due cose diverse. La rabbia di Laura non è solo per Anubi, ma per la mancanza di fiducia che l'ha tradita. In questo momento, forse, ricomincia a credere nella magia, ma sembra che sia troppo tardi.

Laura va nel panico, non solo a causa dell'Oscurità, ma a causa della tragedia di quella realizzazione, l'implicazione che è stata truffata da una vita di magia, una vita in cui credeva in qualcosa. Ironia della sorte, è la morte che sembra riportare in vita Laura...

Laura: Post-Morte

Laura viene riportata nel mondo dei vivi non da Anubi, ma dalla moneta fortunata di Mad Sweeey, lasciata sulla tomba di Laura da un'Ombra in lutto nel primo episodio. Anche dopo la morte, Shadow è un cucciolo che non riesce a smettere di seguire Laura in giro. Ora è il turno di Laura di seguire Shadow: è letteralmente la luce della sua vita.

Questo è il punto in cui la linea temporale di Laura inizia ad allinearsi con le scene che abbiamo visto prima. Trova Shadow proprio mentre viene linciato dagli uomini di Technical Boy. Li fa a pezzi con un pugno e tira la corda di Shadow finché non si spezza, inondata da un mare di sangue che lei crea. È una scena cruenta, ma anche bella. Laura sta rinascendo in una creatura di scopo e potere. Sta trovando la vita interessante che ha sempre voluto condurre.

Ovviamente, quando ha la possibilità di presentarsi a Shadow, si nasconde, sia sulla scena del linciaggio che, più tardi, quando Shadow torna a casa loro per fare i bagagli. Forse questo è un esempio di attenzione a ciò che desideri? Laura può vivere una vita interessante, ma è anche un cadavere. Perde il braccio sulla spalla nella lotta per la vita di Shadow. Sta già cominciando a marcire. Mentre lo spirito di Laura potrebbe essere pronto a vivere la vita che non ha mai abbracciato del tutto prima, il suo corpo ora non è in grado di farlo.

'Sono necessarie cure e manutenzione per il tuo cadavere', le dice il signor Ibis mentre lui e il signor Jacquel (l'altra forma di Anubis) la rendono di nuovo 'presentabile' (cioè simile a quella umana). Ottiene un'abbronzatura spray, un riattacco del braccio più sostanziale di quello che le forniture artigianali di Audrey possono fornire e raccoglie un acchiappa-insetti da qualche parte lungo la strada per la camera d'albergo di Shadow. 'Era amore?' chiede il signor Jacquel a Laura. 'Non lo era... ma suppongo che lo sia ora.'

Nell'ultimo episodio, Shadow ha detto mercoledì che, anche se potrebbe non credere in nessuna divinità specifica, crede alla merda per amore. Sembra che lui e Laura siano finalmente sulla stessa pagina su questo. Laura è tornata in vita con Shadow come il suo raggio di sole personale. È una convinzione che potrebbe essere troppo poco, troppo tardi. Dopotutto, Anubi le promette che, quando avrà finito, porterà a termine il suo compito e riporterà Laura nell'oscurità dell'aldilà degli increduli.

È troppo tardi perché Laura ci creda? Il mondo di divinità americane non sembra particolarmente gentile, ma è anche uno che si è dimostrato capace di produrre miracoli inaspettati. E Shadow è un uomo con un misterioso potere tutto suo.

Forse una terza possibilità di resurrezione non è nel destino di Laura, ma, secondo la metrica di mercoledì, Laura è già sfuggita al peggior destino possibile: essere dimenticata. 'Tu, mi ricordo', le dice Anubi quando Audrey e Laura hanno quasi investito il signor Jacquel e il signor Ibis. Qualunque altra cosa possa accadere a Laura, non sarà dimenticata, specialmente ora che è la narratrice della sua stessa storia.

Ulteriori pensieri.

Non ci sono segmenti 'Coming to America' ​​o 'Somewhere in America' ​​qui - a meno che non consideri questo intero episodio un segmento 'Somewhere in America', che in un certo senso è.

C'è un posto più triste dove passare il tempo di un casinò?

“Mia nonna ha sempre avuto gatti. Ha detto che possono vedere i fantasmi quando tu non puoi e avvisarti dei ladri'. Laura deve ringraziare sua nonna (e Dummy) per la sua possibilità di vivere nell'aldilà.

Laura: “Credi nell'aldilà?” Shadow: “Non lo so. Voglio dire, mia madre l'ha fatto. Sembrava abbastanza sicura. Diceva: 'Tutto quello che so se c'è più di quello che so'”.

“Sono andato ad essere ogni notte in un mondo pieno di magia dove tutto era possibile. E poi, un giorno, scopri che Babbo Natale non è reale, e poi la fatina dei denti non è reale. E non ci sono fattorie a nord dello stato per cani anziani. E poi ho iniziato a leggere libri di storia e Gesù non è reale ed è come se tutto ciò che ha reso il mondo qualcosa di più di quello che è sono solo storie. Solo olio di serpente. Perché peggio perché i serpenti sono reali. Volevo così tanto riavere quella magia, ma un giorno ho semplicemente accettato il fatto che non potevo perché la vita non è così interessante'.

Dane Cook è perfetto nel ruolo di Robbie.

'Sarei felice di vivere in una scatola di cartone sotto un'autostrada finché fossi con te.' 'Vedi, questo rappresenterebbe un fallimento per me.'

'Qualcosa è andato storto. Qualcuno ci ha fottuti'. Cosa è successo con la rapina di Shadow e Laura? Qualcuno ha informato la struttura? Era mercoledì?

Anubi va a strappare il cuore di Laura e lei gli respinge la mano con riflessi felini. Si ha l'impressione che Laura non sia estranea agli uomini che cercano di toccarla.

“Nella vita non credevi in ​​niente. Non andrai a nulla. Avrai finito. Ci sarà oscurità'. 'E la pace?' 'Ci sarà oscurità.' Dannazione.

'Ho voce in capitolo?' 'La morte non è un dibattito'. Questo aveva echi della conversazione che Audrey e Shadow avevano avuto nel primo episodio, quando Audrey si lamentava della sua incapacità di litigare con un Robbie morto.

'Oh mio Dio, è disgustoso.' Laura ha delle ottime reazioni all'essere un cadavere in decomposizione.

“È fluido per l'imbalsamazione. Sta uscendo da ogni buco che ho. È disgustoso, quindi girati'. Suggerimento per professionisti: se torni dalla morte e i tuoi cari stanno impazzendo, prova a usare il bagno. È riconoscibile.

“È un'ossessione? Mi stai perseguitando?' 'Non di proposito. Avevo bisogno di forniture artigianali.'

'La rabbia e il dolore mi hanno davvero reso volgare.' Come nel primo episodio, Audrey è assolutamente fantastica qui. Esilarante, umano ed empatico. È l'ennesimo esempio di personaggio femminile che ha molto da fare nello show televisivo, migliorando l'intera storia.

'Faccio album perché i ricordi mentono.'

'Mi sento malissimo.' 'Oh, fanculo i tuoi sentimenti.'

'Necrologio di merda'. 'Beh, hai fatto un necrologio di merda perché hai avuto una vita di merda.'

Nell'episodio di stasera diamo il nostro primo vero sguardo all'Ibis and Jacquel Funeral Parlor. È stato ricordato a qualcun altro? il grande dramma britannico sugli zombi Nella carne nelle scene che mostrano Laura che cerca di coprire la sua non morte?

'È un peccato. L'amore ti lascia sempre in una posizione di svantaggio'.