Game of Thrones: come Daenerys Targaryen potrebbe diventare suo padre

Questo articolo contiene importanti spoiler per Game of Thrones Stagione 8.


Di sicuro sembrava una mossa intelligente in quel momento . Sotto di lei ce n'erano duema, uomini insolenti per di più, che nonostante il loro esercito fosse svanito in un pennacchio infuocato si rifiutavano ancora di piegare il ginocchio. Peggio ancora, questo Randyll Tarly ha implicato bigottismo e illegittimità direttamente sul volto di Daenerys Targaryen, mettendo in dubbio la sua pretesa sul Trono chiamando i suoi cavalieri di sangue Dothraki e seguaci Immacolati 'selvaggi', e insinuando che Dany è buono come uno straniero nonostante sia nato a Roccia del Drago prima essere cacciata dalla sua patria da uomini come lui.

Diverse settimane prima nella stagione 7 , Olenna Tyrell aveva suggerito a Daenerys di ignorare uomini intelligenti come Tyrion Lannister e di 'essere un drago'. Questo sembrava un saggio consiglio dopo che il piano di Tyrion di prendere Casterly Rock si è rivelato un disastro che ha ucciso Olenna. Di conseguenza, Daenerys è diventata un drago, un vero Targaryen, e come ogni vero Targaryen non può tollerare l'insolenza, in particolare quella misogina velata. Tyrion potrebbe gettare Randyll in una cella o bandirlo alla Barriera, e gli Stark farebbero sicuramente quest'ultimo, ma Daenerys non è un Lannister o uno Stark; lei è un drago. Quindi ha dato da mangiare a Randyll e persino al suo ingenuamente coraggioso figlio alle fiamme di Drogon. Li ridusse in cenere in un flex di potere che fece piegare le ginocchia a tutti i Lannister rimasti tra i prigionieri, e come Aegon Targaryen reclamò un po' più di potere con il fuoco e il sangue. In quel momento, sembrava forte e Tyrion morbido, ma nel classico Game of Thrones moda, una buona decisione una stagione si rivela una tragedia la prossima.



Così è stato nel Game of Thrones Prima stagione 8 8 . In piedi davanti a Samwell Tarly, l'umile e poco ambizioso mezzo maestro che ha salvato la vita del suo amato ser Jorah Mormont, gli equivoci di Dany sul motivo per cui ha bruciato non solo il padre arrogante di Sam, ma anche il suo coraggioso fratello sono caduti all'altezza delle frecce di Lannister davanti a Drogon. Ha decapitato la sua famiglia, per timore che lei o forse un altro re perdoni Sam dai Guardiani della notte, per orgoglio. Ora un alleato apolitico che ha rischiato la vita per aiutare la sua amica è improvvisamente un potenziale nemico, e uno con alcune informazioni molto pericolose di cui Daenerys è ignara. La sua dimostrazione di forza diventa improvvisamente una mancanza di giudizio, persino una debolezza di vanità. Tyrion aveva ragione, la ruota che Dany vuole rompere continua a girare, ora sull'ultimo Tarly. Potrebbe girare di nuovo su di lei?


In momenti come questi, è giusto iniziare a chiedersi se Daenerys sia troppo simile a suo padre, il Re Folle Aerys II. Se la premiere della stagione 8 viene letta nel modo in cui gli showrunner David Benioff e D.B. Weiss lo posiziona, o chiaramente come lo percepiscono i nordisti, ci sono alcune implicazioni sinistre in gioco.

Daenerys è ovviamente la figlia Aerys II, l'ultimo Targaryen a sedersi sul Trono di Spade e a tutti gli effetti un uomo che meritava il soprannome di Re Folle. Ossessionato per tutta la vita dal fuoco selvaggio, le fiamme verdi con una squallida base del mondo reale in effetti che Tyrion ha usato per incendiare le Acque Nere: Aerys è l'inevitabile risultato della paranoia e della consanguineità incestuosa tra i Targaryen. Ispirato alla famiglia Tolomeo nella vita reale dell'antico Egitto ellenistico, i Targaryen sono una dinastia notoriamente incostante. È un detto comune a Westeros che ogni volta che nasce un Targaryen, gli dei lanciano una moneta. Forse nasceranno con naturale nobiltà e compassione, o forse la propensione del lignaggio a sposare fratello a sorella produrrà eredi crudeli come Joffrey (un Lannister nato anche lui da questa dubbia pratica).

Aerys II è stato il più malvagio e crudele uscito da questa linea di sangue, come è emerso quando ha ostaggio Brandon Stark, il fratello maggiore di Ned che era venuto ad Approdo del Re per chiedere il ritorno di Lyanna Stark, la sorella che tutti pensavano avesse rapito Rhaegar. Quando Rickard Stark, Protettore del Nord, è sceso anche lui ad Approdo del Re per reclamare suo figlio, Aerys ha bruciato vivo Rickard nella sua armatura tramite un orribile incendio. Brandon Stark è poi morto strangolandosi in un cappio mentre cercava di raggiungere suo padre.


Questo è stato l'incidente che ha scatenato la ribellione di Robert, ed è anche una circostanza che i fan hanno a lungo ipotizzato si sarebbe ripetuta in qualche modo, tranne che con Cersei come il Re Folle reincarnato. Anche lei è diventata ossessionata dal fuoco selvaggio, usandolo per ha colpito l'Alto Passero, Margaery Tyrell , e tutti gli altri suoi nemici cortigiani nella stagione 6. È anche facile immaginarla dire 'Bruciali tutti', proprio come ha fatto Aerys prima e dopo che Jaime Lannister lo ha investito. Tuttavia, lo spettacolo sta iniziando a seminare il dubbio anche su Dany. Se gli dei lanciano davvero una moneta, è atterrata all'estremità della coda quando è nato suo fratello Viserys Targaryen (lo sciocco piagnucolone), ma sembrava essere più aggraziato nei confronti di Daenerys. Ma se chiedessi a Samwell Tarly se Dany è proprio come suo padre, la sua risposta potrebbe essere più negativa della tua.

Qual è il punto. Gli showrunner Benioff e Weiss hanno finalmente trovato un modo per duplicare la mutevole percezione dell'azione e delle conseguenze che George R.R. Martin ha reso un luogo comune nei suoi romanzi (e quindi nelle prime cinque stagioni di Game of Thrones ). Ora Sam vede Dany come una falsa regina, e ha le prove per confermarlo quando lo dice a Jon Snow in realtà è Aegon Targaryen , il legittimo Re dei Sette Regni. È anche improbabile che Sam tenga queste informazioni per sé nelle settimane a venire dopo quello che ha fatto Dany... e soprattutto da quello che potrebbe fare dopo.

leggi di più: La questione della successione di Daenerys Targaryen

Jon è solito dire: 'La Grande Guerra è qui', ma come sappiamo gli Estranei potrebbero arrivare non appena la fine dell'episodio della prossima settimana, quindi la domanda rimane sulle Guerre a venire nei prossimi tre o quattro episodi. Cersei si sta ovviamente preparando per loro con la sua neo assunta Compagnia d'Oro , e Dany sta già pensando molto avanti. Quando arrivò a Grande Inverno, Sansa Stark, la Signora di Grande Inverno, le mostrò ogni cortesia, né più né meno. Ovviamente, pur riconoscendo che 'Winterfell è tuo, tua grazia', ​​Sansa lo stava facendo con un po' del suo disprezzo brevettato. Ma come poteva Daenerys aspettarsi qualcosa di meno? Winterfell e il Nord non sono una città piena di schiavi che sono felici che il Breaker of Chains sia venuto a liberarli; sono un gruppo tribale e orgoglioso che ha appena appreso che il Re del Nord a cui ha giurato fedeltà ha abbandonato la propria autonomia per l'ennesimo monarca Targaryen.

Il Nord ricorda bene che Torrhen Stark ha salvato centinaia di migliaia di vite del Nord tre secoli fa quando ha piegato le ginocchia ad Aegon Targaryen. Inoltre ricordano eternamente Torrhen come 'il re che si inginocchiò'. Jon Snow ora ha fatto lo stesso e per cosa? Aiuto contro un nemico che non hanno visto, e per una regina che almeno Sansa sospetta sarebbe venuta anche se Jon non avesse piegato il ginocchio. Sansa non sta mettendo apertamente in discussione Daenerys come Lyanna Mormont - o anche Robett Glover che ha abbandonato Winterfell e gli Stark di fronte all'avanzata degli Estranei - ma Sansa è la più potente del nord che semplicemente non sorriderà pur riconoscendo la supremazia di Daenerys.

E come Aerys II, questo è chiaramente un punto di contesa per la Madre dei Draghi. È stata una situazione divertente e imbarazzante per Jon Snow sedersi tra una ragazza e una sorella passivo-aggressiva all'inizio della premiere, ma quando Dany ha sollevato quella tensione in seguito dicendo a Jon: 'Non ha bisogno di amarmi, ma dovrebbe rispettare me', non era così divertente. Dany dice 'rispetto', ma lo ha già ricevuto da Sansa, se a malincuore. Quello che vuole davvero è l'amore; lo stesso tipo di adorazione che riceveva a Yunkai quando tutti i liberti la chiamavano 'Mhysa'.

Si sta seminando un conflitto. Se Dany e Sansa dovessero sopravvivere entrambi all'imminente invasione degli Estranei, le offese percepite dalla Signora di Grande Inverno faranno uscire il drago da Daenerys? Riuscirà a dimostrarsi spietata con la sorella di Jon Snow come Aerys II lo era con Brandon Stark, fratello della nuova sposa segreta di suo figlio? Questo è il conflitto che si sta preparando, portandoci a chiederci se la storia potrebbe avere una macabra ripetizione, con le insicurezze di Dany delle dimensioni di un drago sul nulla che guidano un altro riff generazionale tra il Nord e i Targaryen, un riff che potrebbe costringere Jon Snow ad abbracciare il suo destino come il più legittimo re Aegon VI.

È una possibilità reale, ma sospetto sia in definitiva un caso di depistaggio. Proprio come la presunta tensione tra Sansa e Arya nella stagione 7, è lì per farci guardare in un modo mentre la narrazione si muove in un altro. Arya e Sansa alla fine hanno unito i loro talenti contro Ditocorto invece di usarli l'uno sull'altro, e immagino che la fiorente disputa tra Dany e Sansa si trasformerà in un legame quando Jon Snow, o meglio Aegon Targaryen, dimostrerà di anteporre la legittimità di entrambi al proprio vantaggio. Potrebbe essere il figlio di Rhaegar, ma Ned Stark è ancora suo padre e, come Ned Stark, non sopravviverà né si divertirà mai ad Approdo del Re. Se essere un Targaryen perde anche la fiducia del Nord, forse il suo destino non è in questo mondo.

Jon Snow alla fine placherà i sospetti di sua zia - che senza dubbio aumenteranno quando scoprirà che Jon ha un diritto maggiore di lei sul Trono di Spade - e la costringerà a rivalutare il Nord, Sansa e persino se stessa. sto in attesa la mia previsione che Dany non è la figlia di suo padre , e che prenderà il Trono di Spade solo per distruggerlo e costruire un mondo migliore con una qualche forma di governo parlamentare. Se tutto va bene, se Jon non è più con noi, concederà anche a Sansa l'autonomia di essere Protettrice del Nord, o forse Regina.

Tuttavia, non posso esserne certo. Come è circolato su Internet, gli schemi dell'opera d'arte profanatrice del Re della Notte in Last Hearth hanno una strana somiglianza con il sigillo del drago a tre teste della Casa Targaryen. Per anni, abbiamo tutti ipotizzato che il Re della Notte fosse uno Stark, ma chi può dire che non sia un lontano antenato dei Targaryen? Aveva un certo tipo di biondo, e forse la magia del fuoco nel suo sangue è il motivo per cui i Figli della Foresta hanno scelto di trasmettergli un cuore di ghiaccio. E se fosse il vero figlio del ghiaccio e del fuoco? Se è così, lui, Jon e Dany hanno tutti legami genetici, incluso il fatto che possono pilotare draghi. Se l'esito della magia del ghiaccio è il Re della Notte, c'è la possibilità che il fuoco di Daenerys si dimostri altrettanto divorante se il suo senso di diritto e il suo destino manifesto non vengono controllati.

Sapremo la risposta abbastanza presto con solo cinque episodi dalla fine.

leggi di più: Game of Thrones Stagione 8 – Classifica delle riunioni

David Crow è l'editor della sezione cinematografica di Den of Geek. È anche membro della Online Film Critics Society. Leggi di più sul suo lavoro qui . Puoi seguirlo su Twitter @DCrowsNest .